Vacanze in Puglia

separator

Vacanze in Puglia

I 10 Luoghi Piu Belli Da Visitare

My House in puglia sign

Mare cristallino, spiagge di sabbia bianchissima, spettacolari grotte sotterranee che scavano l’entroterra, distese collinari ammantate di ulivi centenari, punteggiate di trulli, masserie, borghi storici e muretti a secco che profumano di viti e di mandorli: la Puglia è un paradiso multiforme da scoprire.

Insignita per due volte del titolo di “regione più bella del mondo” e con ben 4 siti riconosciuti come Patrimonio UNESCO, sono moltissime le prestigiose riviste che consigliano di avventurarsi in un’esperienza in Puglia, per conoscerla ed esplorarla almeno una volta nella vita. Per questo, abbiamo preparato una lista dei 10 luoghi più belli da visitare, al quale vogliamo aggiungere un prezioso consiglio: quello di perdervi lungo il viaggio, fermandovi solo per scattare foto.

Polignano

Polignano a mare è uno spettacolo della natura. Il suo borgo labirintico è arroccato in cima ad una scogliera calcarea alta 20 metri, frastagliata da un interminabile susseguirsi di grotte che si tuffano a strapiombo in acque azzurre e spiagge di ciottoli bianchi. Per le sue strette viuzze si leggono poesie che riempiono di colori mura e scalinate, dalle quali non è difficile trovare scorci in cui affacciarsi e guardare l’orizzonte blu del mare che lambisce il cielo, senza mai staccarsene.

Trani

Trani è “la perla dell’Adriatico”: la sua maestosa cattedrale in pietra bianca, protesa sul mare e dedicata a San Nicola il Pellegrino, è un esempio straordinariamente suggestivo di romanico pugliese e un simbolo stesso della Puglia. Poco distante, troverete il Castello Svevo, voluto da Federico II, e il quartiere ebraico della Giudecca, edificato sulla parte più alta della città antica. Qui, si passeggia tra antiche sinagoghe e botteghe artigianali, costeggiando l’animato porto di pescatori.

Bari

Bari è il capoluogo della Puglia. Il suo quartiere più famoso fu edificato nell'800, per volere di Gioacchino Murat, generale francese successore di Napoleone, che ne pianificò un urbanizzazione moderna, a maglia ortogonale. Bari murattiana è famosa per le sue storiche vie dello shopping, l’architettura che rievoca lo splendore artistico e culturale della belle èpoque, il lungomare e i teatri Piccinni, Margherita e Petruzzelli, affacciati sul mare.

Accanto c’è Bari Vecchia, il centro storico. Passeggiate tra le piccole vie in pietra raggiungendo la Basilica romanica di San Nicola e la cattedrale di San Sabino, assaggiate i piatti tipici della zona e portate a casa un souvenir d’eccezione: la pasta fresca, tirata a mano da vecchie signore nelle vie del borgo.

Ostuni

Ostuni è, per tutti in Puglia, “la Città Bianca”: il suo colore caratteristico deriva da un’antica pratica di lavare la città con calce bianchissima, che in epoca medievale avrebbe aiutato a schiarire le buie e labirintiche strade del borgo. Nugoli di abitazioni si snodano intorno alla collina, colorate solo da botteghe artigiane, ristoranti tipici e gerani e, in alto, protetta dalle sue candide case, l’imponente Cattedrale gotica dedicata a Santa Maria dell’Assunzione, che domina tutto l’altopiano di ulivi della bassa Murgia.

Alberobello & Valle d'Itria

La Valle d’Itria si trova nel cuore della Puglia: una fertile valle che si estende tra Bari, Brindisi e Taranto. La vegetazione rigogliosa di uliveti e vigneti, da cui si ricavano oli e vini pregiati, i trulli e i piani collinari smossi da venti che galoppano da mare a mare, la rendono una terra straordinaria. Se la valle ne ospita qualche esemplare, è Alberobello la città del trulli: piccole case in pietra realizzate con muri a secco e tipici tetti a cono, ricavati da massi calcarei raccolti nei campi vicini. Si dice che i suoi caratteristici pinnacoli decorativi, con simboli legati alla religione e alla tradizione popolare, avessero la funzione di tenere lontano gli spiriti maligni. In tutta la città se ne contano più di 1500, tutti in perfetto stato di conservazione e dal 1996 patrimonio UNESCO.

Lecce e la Penisola Salentina

Lecce è la capitale del Salento. Il suo centro storico è scolpito dai migliori esempi di arte barocca del meridione: la Basilica di Santa Croce, piazza Duomo, la Cattedrale dell’Assunta, il Campanile, l’Episcopio, piazza Sant’Oronzo e l’Anfiteatroromano di età augustea. Ma vi è di più: il Salento, con oltre 170 km di costa, è riconosciuto come una delle zone balneari più belle della nazione, a cui si associa l’evocativo titolo di “Maldive d’Italia”. Gallipoli, Porto Cesareo, Torre Lapillo e Santa Maria di Leuca a Pescoluse, sono tappe imperdibili. Da non perdere anche la Grotta della Poesia, una delle piscine naturali più belle del mondo.

Otranto

Otranto si trova nel tratto più orientale d’Italia, poco distante da Lecce, su uno sperone di roccia che cade a picco sul mare. Le mura e il maniero aragonese, il pittoresco Lungomare degli Eroi che veste di luci il mare su cui si affaccia e il borgo storico, con i suoi dedali di stradine lastricate di pietra viva, vi avvolgeranno col loro fascino di bellezza e storia millenaria. Fuori dal centro abitato, il lago d’acqua verde che ha trovato posto nell’enorme cratere rosso ruggine di una dismessa cava di bauxite, il faro di Punta Palascìa, il punto più a est d’Italia e la spiaggia dei Faraglioni di Sant’Andrea.

Castel del Monte

Castel del Monte è uno dei luoghi più misteriosi d’Italia. Sono numerose le storie che si tramandano sull’antica fortezza di Federico II, legate alle leggende dell’ordine dei templari e alla sua particolare architettura, concepita con ossessivo rigore geometrico e matematico: pianta ottagonale, otto imponenti torri ottagonali a proteggerla, otto sale al piano terra e anche, anticamente, una vasca ottagonale nella corte interna. Inoltre, la sua posizione, sulla cima della collina da cui si domina la valle della Murgia da un versante e il Mar Adriatico dall’altro, è studiata per creare particolari effetti di luci e ombre durante i giorni del solstizio e dell’equinozio. Tutto suggerisce simbolismi che appassionano da secoli gli studiosi e che, dal 1996, sono valsi al castello il riconoscimento di patrimonio UNESCO.

Il Gargano

Il Gargano è noto come “lo sperone d’Italia”: circondato dall’Adriatico, è ricchissimo di straordinarie località balneari e qui si annoverano ben 2 siti del patrimonio UNESCO, il comune di Monte Sant’Angelo con il Santuario di San Michele Arcangelo e le faggete della Foresta Umbra. Tra le città più belle c’è Vieste con il suo centro abitato e il Castello arroccati nella parte più orientale del promontorio. Poco distante, la spiaggia del Pizzomunno dove si trova il gigantesco scoglio monolitico alto più di 25 metri intorno al quale si sono alimentate per secoli leggende, e la Baia di San Felice, con il bellissimo Arco Naturale. Non perdete anche il centro storico di Peschici e un pranzo spettacolare su un Trabucco.

Isole Tremiti

San Nicola, San Domino, Cretaccio, Capraia e Pianosa sono le cinque isole che compongono l’arcipelago delle Tremiti, distante appena 22 chilometri dal promontorio del Gargano. Le pinete incontaminate, i fondali ricchissimi, le centinaia di cale, spiagge e grotte marine fanno parte di un’area protetta, gestita dal Parco nazionale del Gargano, volta alla salvaguardia dell’incredibile biodiversità di questa zona. Un piccolo paradiso a sé, in cui praticare immersioni, vivere il mare in barca o fare escursionismo.